In battello all'Eremo di Santa Caterina del Sasso

L’eremo di Santa Caterina del Sasso: il fascino della preghiera

Per il suo fascino senza tempo, l’eremo di Santa Caterina del Sasso è comparso nel film ‘La stanza del vescovo’ (1977) di Dino Risi e nello sceneggiato televisivo di Salvatore Nocita ‘I promessi sposi’ (1989), come convento di Fra Cristoforo. Il complesso sorge a strapiombo sulla sponda orientale del Lago Maggiore, nel comune di Leggiuno (VA), è ha impiegato diversi secoli per assumere l’aspetto che oggi conosciamo.

Tutto ebbe inizio nel XII secolo, quando Alberto Besozzi, un ricco mercante locale, scampato ad un nubifragio, approdò su quel versante di costa e decise di abbracciare la vita eremitica. Il futuro ‘beato’ fece costruire una cappella dedicata a Santa Caterina d’Egitto, oggi visibile in fondo alla chiesa e che venne affiancata, a partire dal XIV secolo da altre due chiese: quella di ‘San Nicola’ e di ‘’Santa Maria Nova’. A dare il nome al monastero di Santa Caterina, per esteso Santa Caterina del Sasso Ballaro, fu un episodio miracoloso di inizio Settecento quando cinque enormi massi ballerinii precipitarono sulla chiesa ma, non causarono gravi danni rimanendo sospesi, per quasi due secoli, nella volta di una cappella.

Dal 1970 l’Eremo appartiene alla Provincia di Varese, alla quale si deve la messa in sicurezza di tutta la zona circostante e la creazione di un suggestivo ascensore, scavato nella roccia, che fornisce una moderna via d’accesso da uno dei punti più panoramici del Verbano. Ma come raggiungere Santa Caterina del Sasso? Via lago: la navigazione per l’Eremo di Santa Caterina del Sasso è, sicuramente, la soluzione ottimale per via della vista panoramica di cui potrete godere; in autobus, da Laveno oppure in treno, attraverso la stazione di Sangiano. Dal punto di arrivo, l’Eremo, oggi sotto la guida dei oblati benedettini, sarà raggiungibile a piedi, attraverso una scala. Una meta ideale per chi è alla ricerca di un soggiorno culturale unito a momenti di raccoglimento e preghiera.